Considerazioni sulla gelata tardiva del 20, 21 e 22 aprile 2017

Dopo aver assistito a più di un mese con temperature sopra la media (dal 15.03.2017 al 19.04.2017 le minime non sono mai scese sotto gli 0° C), si è assistito ad un ritorno dell’inverno con freddo e vento forte.

La stazione del campo sperimentale di Drogne la temperatura minima ha raggiunto quasi i -4,0°C, e nel campo sperimentale di Tavarons quasi i -5,0°C.

In Drogne si è adottata la strategia preventiva di proteggere le piante, una ad una con tre metodi diversi, per valutarne l’efficacia. Si è quindi proceduto a proteggere le vigne con questi tre sistemi:

  • tessuto non tessuto;
  • bottiglie di plastica;
  • shaelter di plastica.

I risultati sono stati soddisfacenti con tutte e tre le procedure; le perdite si sono attestate attorno al 10% delle gemme, con particolare riferimento alle gemme apicali. In Drogne le gemme erano già sbocciate.

Abbiamo deciso, visti i risultati, di tenere buone le coperture con tessuto non tessuto e quelle con gli shealter in plastica. Le bottiglie trasparenti in certi posti si sono dimostrate inefficaci e circa il 90% delle perdite le abbiamo riscontrate nelle piante protette con questo sistema.

Nel campo sperimentale di Tavarons non si è proceduto ad attuare nessuna precauzione perchè le gemme non erano ancora uscite. Fortunatamente anche qui le perdite si sono attestate attorno al 10%.

Qui sotto trovate tre fotografie delle varie strategie di protezione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *