RES F26

RES F26

La sesta ed ultima varietà in fase di sperimentazione è il secondo prototipo, a bacca bianca, denominata RES F26 , prodotta anc’essa dalla Fondazione “E. Mach” di San Michele all’ Adige (TN). Si tratta di una varietà tollerante alle principali crittogame riconducibile, per diversi aspetti alla varietà  Pinot bianco. Essa è ottenuta  in Italia presso La Fondazione “E. Mach” ne1 1996 incrociando la varietà Bianca (Seye-Villard 12375 x Bouvier) con la varietà Nosiola. Ha un’epoca di germogliamento media e un’epoca di maturazione medio precoce. Ha una vigoria media con accrescimento verticale dei tralci e una buona capacità di sostenersi ai tutori. Il grappolo è medio, compatto e acino medio tondeggiante. Ha una buona resistenza al freddo. Ha un’ottima resistenza alle malattia quali la peronospora, l’oidio e la botrite.

Produce un vino dal colore giallo verde, non troppo alcolico e con media acidità . Piacevole, con sentori lievi di Sauvignon blanc.

(SCHEDA DESCRITTIVA RED F26) [FORMATO PDF]